Archivio di marzo 2010

Scandalose le richieste di perforazione in territorio di Scicli. Intervengano subito Armao e Venturi o mi rivolgerò al Parlamento

venerdì, 26 marzo 2010

Il permesso di ricercare petrolio ed idrocarburi in territorio di Scicli, in alcuni tra i luoghi simbolo del Val di Noto, va immediatamente bloccato dalla Regione Sicilia, poiché in assoluto contrasto con il modello di sviluppo previsto dal Distretto turistico e con il piano paesaggistico regionale.”

Con queste dure parole il capogruppo del PDL in Commissione Cultura alla Camera, Fabio Granata, boccia senza appello la richiesta presentata dalla società americana Mediterranean Resources, tramite la controllata Irminio srl, adesso al vaglio della Regione per la prescritta valutazione di impatto ambientale, che prevederebbe l’autorizzazione alle ricerche di idrocarburi a Scicli, dopo l’autorizzazione già concessa al largo della costa iblea, ed a pochi mesi di distanza dalla dura opposizione della città di Noto all’avvio delle ricerche già concessionate dalla Regione.

“Il fatto che ad essere interessate alle ricerche sia non solo la campagna sciclitana, ma anche il borgo marinaro di Donnalucata, e persino il territorio limitrofo alla riserva naturale di Mangiagesso e quello prospiciente alla Fornace Penna, tutelata per la sua valenza di archeologia industriale – prosegue Granata – rende assolutamente incompatibile il progetto di ricerca con l’idea di sviluppo che quel territorio in piena autonomia si è dato, aprendo un vulnus difficilmente sanabile in caso di concessione delle autorizzazioni.”

Pronto l’appello di Granata all’intervento degli organi di controllo: “Lancio un preciso messaggio all’Assessore regionale ai Beni Culturali, Armao, ed a quello alle Attività Produttive, Venturi, affinchè rispettivamente si impegnino per applicare da subito il piano paesaggistico e per bloccare ogni autorizzazione regionale. Ogni comportamento differente equivarrebbe ad una imperdonabile distrazione rispetto ad un tentativo di violentare un territorio senza eguali in Sicilia per attrazione turistica e naturalistica.”

Come potremmo spiegare ai cittadini ed alle migliaia di turisti che affollano le spiagge iblee e le città d’arte – conclude Granata – lo scempio dei luoghi resi celebri in tutto il mondo da Camilleri e dall’epopea di Montalbano? Per tali ragioni seguirò attentamente la vicenda anche in Parlamento, coinvolgendo, se necessario la commissione competente e valutando anche la possibilità di proporre un’apposita interrogazione parlamentare urgente. Mi impegno personalmente affinché, dopo aver bloccato le trivellazioni a Noto, vengano bloccate anche quelle a danno del territorio sciclitano, e sono disponibile a scendere al fianco del sindaco se intenderà avviare una seria battaglia.”

Condividi
[Facebook] [MySpace] [Technorati] [Twitter] [Windows Live] [Email]

Fabio Granata (Pdl): “Intercettazioni indispensabili al contrasto alle mafie”.

martedì, 23 marzo 2010

Il vice presidente della commissione antimafia, On. Fabio Granata (PDL), lancia un appello al Senato e al Governo per difendere la possibilità piena dell’uso delle intercettazioni nelle indagini antimafia:

“gli ultimi importantissimi arresti di Trapani e Palermo sono stati resi possibili dall’uso sapiente delle intercettazioni. E’ fondamentale  preservarne la piena agibilità anche per tutte le molteplici ipotesi di reati collegati. Riservatezza delle indagini e eliminazione degli abusi sono importanti ma devono tenere conto della centralità del contrasto alle mafie e della difesa di tutti gli strumenti a disposizione di Magistratura e forze dell’ordine a partire dalle intercettazioni”.

Condividi
[Facebook] [MySpace] [Technorati] [Twitter] [Windows Live] [Email]

Pensatoio trasversale per rilanciare la Sicilia

martedì, 23 marzo 2010

mappa_sicilia_antica

A sostegno della giunta regionale presieduta da Raffaele Lombardo apriranno  i battenti a Palermo, a metà aprile, i cantieri permanenti dell’autonomia.

Leggi tutto l’articolo del Sole24Ore

Condividi
[Facebook] [MySpace] [Technorati] [Twitter] [Windows Live] [Email]

Mafia, marcia di Milano. Granata(PDL): “ Istituzionalizzare la data del 21 marzo quale manifestazione nazionale antimafia”

sabato, 20 marzo 2010

Piena e convinta adesione alla marcia di Milano ribadendo incondizionato sostegno e amicizia all’Associazione Libera.

In occasione della  quindicesima edizione della Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie, promossa da «Libera,  Associazioni, nomi e numeri contro le mafie», e «Avviso Pubblico» per ricordare tutte le vittime innocenti delle mafie e rinnovare in nome di quelle vittime l’impegno di contrasto alla criminalità organizzata, l’on. Fabio Granata , V.Presidente della Commissione Nazionale Antimafia, presenta la sua proposta di legge  per istituzionalizzare la data del 21 marzo   quale manifestazione nazionale antimafia.

“L’iniziativa sarebbe una pratica- ha commentato l’on.Granata-  seria per sottolineare il grande valore di testimonianza civile della giornata di Milano per ricordare le vittime di mafia e rilanciare l’impegno antimafia della comunità nazionale”

Condividi
[Facebook] [MySpace] [Technorati] [Twitter] [Windows Live] [Email]

Granata “congela” il Partito del Sud: “Serve solo una classe politica capace”

venerdì, 19 marzo 2010
Granata “congela” il Partito del Sud: “Serve solo una classe politica capace”
Il dibattito politico siciliano degli ultimi giorni è stato pressoché monopolizzato dalla possibile nascita del Partito del Sud. Il Governatore Lombardo non ha dubbi sulla necessità di dare vita ad un nuovo soggetto politico “in grado di tutelare gli interessi del sistema economico meridionale e di frantumare rendite di posizione costruite sullo sfruttamento della Sicilia e dei siciliani”, mentre anche Gianfranco Miccichè, nonostante i timidi segnali di riavvicinamento alla casa madre del Popolo delle Libertà, parla ormai di “ progetto concreto e vincente” in grado di riscuotere il placet perfino del Presidente del Consiglio. Livesicilia ha parlato di questo con Fabio Granata, capogruppo del Pdl in commissione Cultura e deputato siciliano vicino al Presidente della Camera Gianfranco Fini, spesso entrato in rotta di collisione con le posizioni ufficiali del partito di Berlusconi.
Onorevole Granata, lei è stato tra i promotori del gruppo del Pdl Sicilia e tra i più convinti sostenitori dell’esigenza di assicurare una stagione di riforme e di cambiamenti profondi per la Sicilia. Come valuta l’azione del governo Lombardo?
“Senza dubbio guardo con grande favore all’esperienza di governo di Lombardo, e la sostengo, anche per il valore simbolico-innovativo rappresentato da alcuni nomi della sua giunta, penso all’assessore Chinnici o a Russo. Con lo scioglimento anticipato della passata legislatura si è interrotto un percorso di utilizzo dei fondi comunitari, di recupero delle infrastrutture siciliane, di crescita della ricettività turistica. Ora serve un governo che abbia una visione di strategia ampia e aperta, in grado di far rientrare pezzi della diaspora che ha afflitto la nostra società, restituendo un ruolo attivo alle parti migliori della società civile. L’appoggio al governo Lombardo è subordinato al portare avanti questo progetto di cambiamento”.
Lei ha detto più volte che per rilanciare il progetto del Pdl, così come dell’esperienza di governo siciliano non servono altri “predellini” o annunci roboanti, ma una maggiore elaborazione politica e culturale. Come si declina questa sua convinzione rispetto alla possibile nascita del Partito del Sud?
“Sono convinto che più che un Partito del Sud servono nuove modalità di chiamata alle armi di un gruppo dirigente che non si limiti a richiedere più fondi, ma che assuma una maggiore consapevolezza culturale per realizzare un’idea di Sicilia nuova in grado di assicurare innovazione in tutti i settori. Penso, quindi, che il nostro gruppo dirigente abbia bisogno di crescere all’interno del Pdl attraverso quelli che abbiamo chiamato “Cantieri dell’autonomismo”. Detto questo il progetto di Lombardo di voler estendere l’ambito d’azione del suo movimento ad altri territori è assolutamente legittimo.”
Si corre il rischio che l’eventuale nascita del Partito del Sud si risolva nel tentativo di bilanciare lo strapotere leghista a livello nazionale, facendo del nuovo movimento di Lombardo e Miccichè una sorta di alter ego sudista del Carroccio di Bossi?
“Penso che le cose buone in politica nascono sempre in positivo e non in negativo. Tutto quello che nasce per bilanciare o, peggio ancora per rivendicare, non produce nulla di buono. Quindi se l’obiettivo del Partito del Sud è questo credo che sia una fattore negativo. Dobbiamo invece capire che la Sicilia ha più risorse della Brianza e se ci troviamo in questa situazione di difficoltà profonda e agli ultimi posti delle classifiche di vivibilità e di benessere economico i motivi sono due: la mafia e l’incapacità della classe dirigente, anche se poi le due cose finiscono spesso con l’intrecciarsi. La crisi che stiamo vivendo rappresenta il fallimento della classe dirigente, anzi dell’intera società siciliana che ha vissuto per troppo tempo di abusi e raccomandazioni. La politica in questo senso ha dato esempi negativi, però anche i cittadini devono, ancor prima di reclamare diritti, assolvere ai loro doveri, pagando le tasse, denunciando il pizzo, non costruendo sulle spiagge.”
La proliferazione di movimenti politici locali che rivendicano la tutela dei diversi interessi territoriali rappresenta quindi a suo modo di vedere un segnale di debolezza dei partiti tradizionali e delle forze politiche nazionali?
“Certamente questo rappresenta un segnale di crisi e non solo di debolezza dei partiti nazionali, e dico questo da dirigente del Pdl. Ribadisco il mio pensiero: ci dobbiamo impegnare maggiormente nell’elaborazione di una sintesi politica e di un pensiero complessivo in grado di assicurare un vero progresso alla nostra terra, ancor prima di pensare all’eventuale nascita del Partito del Sud. E questo è quello che chiediamo anche al Presidente Lombardo”.

Intervista tratta da LiveSicilia.it

Il dibattito politico siciliano degli ultimi giorni è stato pressoché monopolizzato dalla possibile nascita del Partito del Sud. Il Governatore Lombardo non ha dubbi sulla necessità di dare vita ad un nuovo soggetto politico “in grado di tutelare gli interessi del sistema economico meridionale e di frantumare rendite di posizione costruite sullo sfruttamento della Sicilia e dei siciliani”, mentre anche Gianfranco Miccichè, nonostante i timidi segnali di riavvicinamento alla casa madre del Popolo delle Libertà, parla ormai di “ progetto concreto e vincente” in grado di riscuotere il placet perfino del Presidente del Consiglio. Livesicilia ha parlato di questo con Fabio Granata, capogruppo del Pdl in commissione Cultura e deputato siciliano vicino al Presidente della Camera Gianfranco Fini, spesso entrato in rotta di collisione con le posizioni ufficiali del partito di Berlusconi.

Onorevole Granata, lei è stato tra i promotori del gruppo del Pdl Sicilia e tra i più convinti sostenitori dell’esigenza di assicurare una stagione di riforme e di cambiamenti profondi per la Sicilia. Come valuta l’azione del governo Lombardo?
“Senza dubbio guardo con grande favore all’esperienza di governo di Lombardo, e la sostengo, anche per il valore simbolico-innovativo rappresentato da alcuni nomi della sua giunta, penso all’assessore Chinnici o a Russo. Con lo scioglimento anticipato della passata legislatura si è interrotto un percorso di utilizzo dei fondi comunitari, di recupero delle infrastrutture siciliane, di crescita della ricettività turistica. Ora serve un governo che abbia una visione di strategia ampia e aperta, in grado di far rientrare pezzi della diaspora che ha afflitto la nostra società, restituendo un ruolo attivo alle parti migliori della società civile. L’appoggio al governo Lombardo è subordinato al portare avanti questo progetto di cambiamento”.

(continua…)

Condividi
[Facebook] [MySpace] [Technorati] [Twitter] [Windows Live] [Email]

Fabio Granata: “Generazione Italia non può essere definita una sfida a Silvio Berlusconi.”

mercoledì, 17 marzo 2010

di Paolo Salvatore Orrù da Tiscali Notizie

In forse è il verbo del premier. Per questo, con metamorfosi a ripetizione, il Pdl sta pian piano assumendo le sembianze di una creatura a due teste. Due crani che frullano idee diverse: il primo elabora visioni di stretta osservanza berlusconiana, l’altro porta avanti le “nuove” politiche sociali di Gianfranco Fini. Ad acuire la divisioni, il patto d’acciaio che si è instaurato nel corso degli anni tra Berlusconi e il federalista Bossi, un asse preferenziale straordinariamente sgradito a molti ex An. Soprattutto a Gianfranco Miccichè che nel suo blog ha detto che “non pensa ad altro che al Partito del Sud”. La risposta, seppur indiretta, ai mal di pancia del deputato siciliano l’ha data il Sole 24 Ore, scrivendo che al Sud è andato solo il 9% del bilancio dello Stato. Un altro segnale di pericolo in casa Pdl strillerà il primo aprile, quando l’associazione Generazione Italia, voluta da Fini e da almeno altri 50 parlamentari, di fatto diverrà l’alternativa ideologica ai berlusconiani Promotori della Libertà. Insomma, si stanno delineando due modelli culturali che potrebbero non incontrarsi o, addirittura, scontrarsi. Fabio Granata, capogruppo del PDL in commissione cultura, non vede nubi nel futuro del Pdl.

Onorevole Granata, il Pdl avrà una nuova anima: dopo i Promotori della Libertà di Silvio Berlusconi sta per essere varata Generazione Italia ispirata da Gianfranco Fini. Il Giornale di Vittorio Feltri ha addirittura scritto che sta per nascere il partito di Fini. Come stanno le cose?
“Generazione Italia non può essere definita una sfida a Silvio Berlusconi. E’ un progetto, una sorta di work in progress per cercare di dare un’identità ad un partito che non può vivere solo ed esclusivamente di slogan elettorali e di contrapposizioni. Ma che deve – invece – riuscire a produrre e proporre un’originale proposta politica. E’ quindi un progetto alla luce del sole, leale, aperto che ha l’obiettivo di creare un partito che per noi deve essere un po’ il partito della Nazione, sulla scia delle moderne destre europee. Un partito che metta i diritti civili, la cittadinanza, lo Stato al primo punto di ogni ordine del giorno. Quindi non si tratta di un progetto contro Berlusconi o contro qualcuno, semmai è un progetto per rafforzare il progetto Pdl”.

(continua…)

Condividi
[Facebook] [MySpace] [Technorati] [Twitter] [Windows Live] [Email]

Cultura e turismo: ”Sostegno al riconoscimento UNESCO per il patrimonio arabo normanno di Palermo, Cefalù e Monreale”.

domenica, 14 marzo 2010

monreale

“La Commissione Cultura della Camera darà il pieno sostegno alla candidatura di Palermo, Monreale, Cefalù e del loro patrimonio arabo normanno al fine di ottenere il riconoscimento Unesco quale patrimonio dell’umanità “.

Ad annunciarlo è l’On. Fabio Granata, capogruppo del PDL in commissione cultura, che domani farà parte della delegazione ufficiale che si recherà sui siti all’esame delle commissioni tecniche, al fine di valutare, congiuntamente alla Regione ed agli Enti locali coinvolti, le future strategie e la predisposizione dei dossier richiesti dall’organismo internazionale di tutela e promozione.

“Questo enorme patrimonio storico, architettonico e culturale – ha dichiarato Granata – non può continuare a restare fuori dall’elenco del patrimonio mondiale dell’umanità. L’iniziativa promossa assieme al collega On. Russo, e sostenuta dal Presidente Aprea, rafforzerà il percorso di riconoscimento da parte dell’UNESCO, e valorizzerà ancora di più lo straordinario recupero monumentale realizzato dalla Regione negli anni passati, grazie ai fondi del POR 2000-2006 che ci ha visto in altri ruoli diretti protagonisti”.

Condividi
[Facebook] [MySpace] [Technorati] [Twitter] [Windows Live] [Email]

L’Agenzia per la gestione dei beni confiscati alla criminalità organizzata è realtà!

venerdì, 12 marzo 2010
Immagine anteprima YouTube

Vi proponiamo l’intervento integrale che l’On. Fabio Granata, a nome del gruppo Pdl alla Camera, ha svolto giovedì in aula durante le dichiarazioni di voto dell’importante provvedimento che lo ha visto tra i protagonisti.

Condividi
[Facebook] [MySpace] [Technorati] [Twitter] [Windows Live] [Email]

Antimafia: Granata, riferiremo alla Camera su liste inquinate

giovedì, 11 marzo 2010

“La Commissione parlamentare Antimafia ha approvato un codice etico contro l’inserimento nelle liste elettorali di candidati implicati con la mafia. Ma il codice è già stato trasgredito da un po’ tutti i partiti. Di questo riferiremo alla Camera”.

Lo ha detto il vicepresidente della Commissione parlamentare Antimafia, Fabio Granata, a margine dell’inaugurazione del corso in Storia della ‘Ndrangheta all’Università Roma Tre.

Granata è convinto che “un contrasto forte” alla criminalità organizzata “debba esistere anche in politica”: è “una questione nazionale” e non regionale e metterlo al primo punto dell’agenda politica e’ un “buon inizio”.

“Oggi – ha concluso Granata – in Parlamento si approva l’agenzia nazionale per i beni confiscati alle mafie. E’ un colpo importante contro il loro patrimonio. Il deficit di sviluppo non si spiega se non con il fenomeno della mafia” che lo blocca “a causa della sua forza economica”.

Condividi
[Facebook] [MySpace] [Technorati] [Twitter] [Windows Live] [Email]

Mafia, Fabio Granata (Pdl) su Agenzia Beni Confiscati: “Sarà approvata grazie alla perseveranza del Governo”

mercoledì, 10 marzo 2010

“L’Agenzia per i beni confiscati alle  mafie – dice Fabio Granata, vice presidente della commissione antimafia – strumento indispensabile per il contrasto alla criminalità organizzata è oggi resa possibile dalla sensibilità del Governo, sarà approvata prestissimo e dopo tanti anni diventerà una realtà. Semmai è l’ostruzionismo dell’opposizione che a ritardarne l’approvazione che comunque avverrà regolarmente entro i termini di validità del Decreto.

Fare polemiche su questo – conclude il parlamentare del PDL – mi sembra del tutto fuori luogo in considerazione del fatto che la proposta è arrivata in aula grazie all’ordine del giorno approvato dal Parlamento e proposto dal sottoscritto, dalla collega Angela Napoli e grazie al Ministro Maroni che dopo anni di chiacchiere ha reso possibile la nascita di uno strumento importante per sottrarre i patrimoni mafiosi alle cosche.”

Condividi
[Facebook] [MySpace] [Technorati] [Twitter] [Windows Live] [Email]