A Perugia dovremo assumerci, dinanzi all’Italia, le nostre responsabilità

2 novembre 2010 | di Staff

Proponiamo di seguito un articolo dell’Onorevole Carmelo Briguglio, pubblicato sul sito di Generazione Italia.

Faccio una premessa: se siamo usciti dal Pdl e abbiamo deciso di dare vita a Futuro e Libertà è perchè ci siamo lasciati dietro le spalle, personalmente senza remore e senza rancore, un “partito personale” dove solo discutere o criticare era considerato un atto di lesa maestà.

Il fermo-immagine di Fini col dito puntato su un Berlusconi in posa padronale nella direzione Pdl del 22 aprile scorso, è eloquente e vale più di cento discorsi. E ancor più vale il dossieraggio al quale Gianfranco Fini è riuscito politicamente a sopravvivere. Giorni nei quali, sia detto con franchezza, da parte di alcuni amici filogovernativi tout court, sarebbe stato giusto aspettarsi qualche parola in più. Sotto i colpi e le intimidazioni dei giornali presidenziali, ho visto più di una volta il coraggio e la dignità sopraffatti da piccoli e grandi timori e opportunismi.

Per questo, la nuova area politica, culturale e di opinione che a Perugia nascerà intorno a Fini, non può non avere nel suo dna un principio fondamentale che è quello della discussione libera, aperta, leale. Senza finzioni, senza personalismi e nel rispetto di tutti e di tutte le posizioni.

Ciascuno sia libero, al vertice e alla base, di dire la sua e lo faccia con la reciprocità di chi sa di possedere non una verità, ma come ci insegna Nietzsche una interpretazione, solo una interpretazione da confrontare con quella degli altri. Poi una classe dirigente, come anche il nostro popolo, devono sapere costruire con il leader una sintesi politica e una decisione unitaria. Motivo per il quale considero un errore politico, ancor più che un deficit di gentlemen agreement tra noi, quando si spara a zero contro un’opinione e chi la esprime, fosse pure una tesi estrema o un paradosso, come ama fare il nostro Fabio Granata, che talvolta può avere ragione, talvolta no come capita a tutti, ma che non dice mai nulla di banale o di non meritevole di un confronto.

Adesso dico la mia sull’oggi: noi non abbiamo alcuna spina da staccare, perchè la spina se l’ è staccata Berlusconi da solo. E lo ha fatto in questi mesi con alcuni gesti politici. Il primo: espellendo Fini e i finiani dal Pdl il premier ha mutato natura e composizione del partito di maggioranza che aveva vinto le elezioni del 2008, quando tutte le liste del Pdl in tutta Italia vennero guidate come capilista da Berlusconi e da Fini. Il secondo: Berlusconi ha tentato di cambiare la maggioranza che aveva vinto le elezioni tentando inutilmente (emblematica la disastrosa cena a casa Vespa) di sostituire Fini con Casini, del cui partito è riuscito ad acquisire solo un pezzetto, l’attuale partitino di Cuffaro, Romano e Mannino, eletti nell’opposizione ora passati in maggioranza. Terzo, gravissimo. Ha provato a licenziare Fini da presidente della Camera, rompendo così il patto di governance politico-istituzionale, premier-presidente della Camera, che era il fondamento e la proiezione dell’accordo politico su cui era fondata la vittoria elettorale di due anni fa.

Questo il processo politico scatenato dal presidente del Consiglio che ci ha portato a un epilogo , quello che stiamo vivendo. E che dobbiamo sapere leggere. A un mese dalla fiducia che abbiamo rinnovato all’esecutivo, non c’è stato alcun miglioramento dell’azione di governo che anzi è paralizzata, come ha dovuto constatare la stessa presidente di Confindustria.

E il caso Ruby, a mio parere, è il segno che noi, noi di Futuro e Libertà, non possiamo più stare in questo esecutivo e nemmeno con questo presidente del Consiglio, inadatto a svolgere funzioni di governo e responsabile della crescente perdita di prestigio dell’Italia nel mondo. E allora che fare? Innanzitutto bisogna uscire dal governo.

Il tempo è scaduto e non possiamo condividere la responsabilità politica del governo Berlusconi-Tremonti-Bossi, con il quale abbiamo poco da condividere. E dobbiamo separare il nostro destino da quello di un premier che non ha più nè il sostegno nè la stima del mondo dell’economia, nè della Chiesa cattolica, nè delle cancellerie europee e occidentali, nè del blocco sociale che lo ha sostenuto in questi anni. Sono convinto che Berlusconi abbia perso anche il consenso politico e personale della maggioranza del popolo italiano.

Che fare dopo, lo dovremo decidere tutti insieme a Perugia in questo week end. Non sarà l’ennesima passerella, ma una vera e grande agorà, un’assemblea politica in cui ciascuno – e saremo tanti – potrà dire la sua e indicare a questa nostra comunità nascente il senso di marcia. Dovremo chiederci quanto valgono ancora i vincoli del patto con gli elettori che stiamo osservando noi e non Berlusconi. E ancora se ha un senso fare i donatori di sangue nei confronti di un capo del governo che è diventato motivo di disagio e di imbarazzo per tutto il Paese.

Nella nostra convention tutti noi dovremo assumerci, dinanzi all’Italia, le nostre responsabilità. E Fini dovrà assumersi la sua che non è solo quella di guidare Futuro e Libertà a un traguardo politico, ma di trovare la via per guidare l’Italia verso l’uscita dal berlusconismo, verso una grande stagione di cambiamento.

Condividi
[Facebook] [MySpace] [Technorati] [Twitter] [Windows Live] [Email]

Tag: , , , , , ,

60 Commenti a “A Perugia dovremo assumerci, dinanzi all’Italia, le nostre responsabilità”

  1. lucapost scrive:

    Finalmente! Però quando si diminuisce le dimensioni “futuro e libertà” non si legge molto bene.

  2. salvo scrive:

    Perfetto, tutto bene, tutto O.K., ma……………….., alle belle parole non si vedono i fatti. Basta con queste belle parole e poi si continua a tenere in piedi questa farsa di Governo che è l’ombra di se stesso e ridicolizza l’Italia nel mondo., Vogliamo ancora perdere tempo ? Ce lo possiamo permettere ? Cosa raccoglieremo dopo questo disastro ? Prima mandiamo a casa Berlusconi e prima possiamo metterci al tavolo delle trattative per disegnare delle alleanze ed un progetto politico di grande respiro per la rinascita culturale ed economica del paese. Non rendiamoci ancora complici di questi immane disastro.

  3. Gianni scrive:

    Aspetto domenica con ansia per vedere cosa succede, non mi deludete, non deludete gli italiani che credono in voi!

  4. patrizia scrive:

    On. Granata,
    spero che Perugia sia la conclusione della preparazione perchè non c’è più tempo, “Prima mandiamo a casa Berlusconi e prima possiamo metterci al tavolo delle trattative per disegnare delle alleanze ed un progetto politico di grande respiro per la rinascita culturale ed economica del paese. Non rendiamoci ancora complici di questi immane disastro.(Salvo)”
    Si vocifera che oggi presentiate alcuni nuovi aderenti a FLI che provengono dal PDL …. spero che abbiano la Sua e la nostra approvazione, mantenere la barra dritta sul Parlamento Pulito è il primo gradino della lunga scala di risalita.
    Grazie.

  5. michele scrive:

    Ha chiesto l’appoggio dell’UDC e lo hanno mandato a quel paese, allora cosa fa? richiede il vostro aiuto raccontando le solite barzellette come: Fini non lo abbiamo cacciato ma si è autoescluso, Fini nostro futuro alleato? MAI DIRE MAI.
    On. Granata, o lo mandate a quel paese pure voi o, secondo me, sarete costretti a scomparire politicamente.
    L’Italia non ne puo più, non potete rendervi complici di questo schifo, il magistrato che a milano, riguardo al caso Ruby, dice che tutto si è svolto nelle regole, ma siamo impazziti o davvero credono di avere a che fare con degli imbecilli?

  6. Dirk Cheney scrive:

    UN ALTRO PARTITO PADRONALE !!!
    Che cavolo ci entra, camerati di merende, il cognome di uno dei fondatori ?

    Non siete diversi a chi porta il nomignolo sui simboli alle elezioni….. alla pari dei Berlusconi, Casini, Veltroni e Dipietro …. NON VI DISTINGUETE, siete tali e quali.

    AMEN.

  7. Edson Arantes Do Nascimento scrive:

    FLI: non valete un kazzo

  8. stefano scrive:

    PER MICHELE.
    Il magistrato di Milano ha detto che tutto si è svolto regolarmente con riferimento al comportamento tenuto dai funzionari della Questura, che hanno adottato una soluzione (amministrativa)- quella dell’affido all’igienista dentale – già altre volte adottata.
    Ciò è altra cosa rispetto alle gravissime prssioni fatte da berlusconi via telefono; non so se vi sia un reato, ma comunque è un comportamento eticamente vergognoso!

  9. stefano scrive:

    Berlusconi va mandato a casa al più presto. Ogni giorno in più di sua permanenza al potere vedrà voi finiani politicamente responsabili.
    Capisco le ragioni tattiche e strategiche, ma non possiamo andare avanti così, vergognandoci di essere italiani.
    Comunque, sarà il meno mandare berlusconi a casa. E’difficile invece sconfiggere il berlusconismo che è nella nostra società, che è in ciascuno di noi. Ci vorranno anni. In famiglia abbiamo fiducia in voi e, ma solo se sarete coerenti, avrete il nostro voto.

  10. luca scrive:

    Sono perfettamente d’accordo con la tua analisi e ancor più con le tue conclusioni: bisogna uscire dal governo. Condivido, perchè dovremmo assumerci responsabilità che non sono le nostre? Perchè continuare a dare ossigeno ad una creatura che è diventata un mostro? Ti ripeto, nel momento della grande delusione sono rimasto al mio posto per la tua presa di posizione e la riuscita dell’operazione che si sta completando con la nascita di FLI dipende sopratutto se gente come te continua a dire ciò che pensa al di fuori delle strategie in politichese. Non è questione di falchi e di colombe, oggi è giunta l’ora di parlare direttamente alla gente e con un linguaggio che tocchi il suo cuore, il suo onore, così come lo intendiamo noi. On.le, tutto il mio sostegno!

  11. Francesco scrive:

    Speriamo che Perugia porti fortuna e che le decisioni che saranno prese siano da tutti condivise. Quel signore meriterebbe che si staccasse la spina perchè siamo stufi delle sue pagliacciate. Non vorrei però che dopo, visto che fa sempre la vittima, iniziasse da tutte le televisioni a tuonare contro tutti voi per poter accaparrare voti. E’ un osso duro e non molla facilmente la poltrona che gli ha permesso di sopravvivere e continuare a fare i suoi affari in barba alle leggi. Ricordatevi che molti italiani guardano a voi. Vi occorre tanta fortuna che, con tutto il cuore, vi auguro. Viva l’Italia!!!!

  12. Stefy scrive:

    Grande Fabio Granata…

  13. beppe scrive:

    On Granata bisogna aspettare ancora molto?

    Ascoltata OGGI in un bar nel centro di Parigi:

    Barman francese rivolto a cliente italiana
    “ma come avete fatto a VOTARE
    uno come Berlusconi?”

    Cliente italiana imbarazzata
    “Non me lo so spiegare neanche io,
    mi vergogno di tutti quelli che lo hanno votato”

    Barman francese
    “Ma se con tutto quello che sta uscendo
    Berlusconi è ancora premier,
    significa che ANCHE VOI ITALIANI SIETE COSI’”

    I clienti presenti nel bar fanno TUTTI
    cenno di sì,concordando!!!

  14. Edson Arantes Do Nascimento scrive:

    Beppe, guarda che Sarko fara’ la stessa fine da caimano

  15. Edson Arantes Do Nascimento scrive:

    a me invece mi sfottono i colleghi greci e rumeni…

    quello si che brucia…persino i Greci falliti mi sfottono..

  16. Liberalconservatore scrive:

    Vai Fabio

  17. franco scrive:

    la coorenza,che oggi in politica è merce rara,alla lunga premia.

  18. anna mazzini scrive:

    non era meglio semplicemente FUTURO E LEBERTA’? o qualche altro sostantivo a scelta??
    l’identificazione populista, simile a popolo delle libertà “berlusconi” denota una vecchia identificazione non proprio adeguata. volete ancora e troppo accentrare l’attenzione su una sola persona. non mi piace, ma questo è solo il mio misero parere.

  19. Marco scrive:

    Il nome di FINI sul simbolo è dovuto a questa sciagurata legge elettorale, che vuole il nome del “candidato premier” accompagnare il simbolo.

    Eliminato il porcellum, spero che il simbolo non riporterà nomi. Perchè Fini è il fondatore, certo, ma spero che il partito sia di tutti

  20. michele scrive:

    Fini ed il “sire” all’altare della patria, il “sire” parla mentre Fini annuisce, ma che bella scenetta dal libro cuore.
    CHE SCHIFO!!!!!!!!!

  21. maicol scrive:

    Sig. Granata ( sa l’onorevole lo si deve guadagnare con i voti e non con le nomine) state per far nascere un altro partito. Parlate di futuro, di libertà ma poi presentate il logo con il nome Fini. Immagina chi vuole aderire, deve prendersi un altro cognome. Siate seri. Immaginate un grande partito di massa di opinione ma ci mettete il padrone. Mi sembra che i vari Fini Casini DiPietro non sono altro che dei piccoli Berlusconi con meno soldi. E’ il solito schifo, fate nascere le cose dall’alto occupando già i posti di controllo.Ma chi vi ha eletti? Se avete dignità fate cadere il governo, cambiate la legge elettorale e presentatevi alla gente con le vostre facce e se ne avete con le vostre idee cosi potrete dire di avere mandato dai cittadini.Oggi avete mandato da Berlusconi Fini Bossi Casini Dipietro ecc. Sig. Granata ” IL MONDO E’ UNA PALLA E GLI UOMINI NE DOBREBBERO AVERE DUE”

  22. vincenzo scrive:

    Granata, non siamo mai stati così in basso, il mondo ci ride dietro.
    se non staccate la spina ora avrete perso ogni credibilità.
    occorre andare oltre agli interessi elettorali, bisogna chiudere questa patetica e penosa pagina della nostra storia.
    non deludeteci

  23. beppe scrive:

    On. Granata
    SE dopo il discorso odierno di S.Berlusconi
    che altro non è che ARIA FRITTA
    buona per allocchi compiacenti,
    non gli staccherete la spina,
    allora diverrete “complici e correi”.

  24. Teatrino scrive:

    FLI da mesi considera Berlusconi non adatto,immobile,ecc., però lo tenete sempre in piedi.La doppiezza della vostra politica vi farà perdere consensi.Tre anni di polemiche e Berlusconi purtroppo vincerà ancora.Anche la vostra è solo una lotta per le poltrone,in cabina elettorale ce lo ricorderemo

  25. luca scrive:

    Io certi toni rivolti all’ONOREVOLE Granata non li condivido. Se non diamo del molto onorevole a Granata che da sempre non appartiene al coro e da quando è nata FLI ha assunto una posizione coerente e l’ha sempre mantenuta a chi dovremmo riconoscere l’onorevole presenza, l’onorevole coerenza e l’onorevole laboriosità? Quindi… calma e gesso nel confondere l’oro con il platino. Ho letto i resoconti sull’intervento del poco onorevole rais. Nulla di nuovo! Oggi gli serve la terza gamba e strizza l’occhiolino, lui è abituato a trattare con le prostitute e ancora non si rende conto che da questa parte prostitute non ce ne sono: Granata docet! Insisto: ritiriamo la nostra presenza nel governicchio e attendiamo l’intervento di Fini e poi cerchiamo di capire se usciremo dalle nebbie calate sul pantano. Io di Granata mi fido!

  26. Alessandro F. scrive:

    OT
    Ho visto Silvio parlottare con Gianfranco. Ha cercato di spiegare le recenti imbarazzanti vicende prima di essere interrotto da Napolitano. Spero abbia suscitato in Fini la stessa mia sensazione: è malato.

    Ciaoooo Fabioooo :)

  27. Serena scrive:

    Fabio non deludeteci mandatalo a casa subito!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  28. marco scrive:

    Sono un ragazzo di sinistra che reputa encomiabile la Vostra scelta di dare nuovamente un’identita alla destra italiana ma soprattutto alla politica in generale : dimostrate la vostra forza, in questo momento abbiamo bisogno anche di voi, chissà che non riusciamo a creare una svolta storica che perlomeno ci veda uniti negli ideali di libertà e di democrazia ! Buon lavoro

  29. salvo scrive:

    Ma Silvano Moffa ed Adolfo Urso, lo hanno capito o no che dalla base ci siamo rotti, anzi scassati, di questi atteggiamenti traballanti ? Di questi ammiccamenti al premier ? Ma perchè non se ne stavano nel PDL a fare gli schiavi se era questa la loro intenzione ? Bene On. Granata ed On Briguglio e tutti gli altri che, come loro, hanno condannato l’ennesimo discorso da Buffone-doppiogiochista-truffatore di Berlusconi. Dobbiamo smarcarci da Berluscalandia, anche a costo, se serve, di perdere qualche pezzo come Moffa o Urso. Questi, prima o poi, si rivolteranno contro. Ce l’hanno nel loro DNA il tradimento !!!

  30. Patrizia scrive:

    Alcuni commenti sono veramente strumentali e fuori dalla realtà :ma Fini, Granata e Fli cosa dovrebbero fare Piu’ di ciò che hanno fatto in questi mesi mentre erano comodamente al governo e che,per una scelta di legalità hanno messo in discussione tutto?
    Forza Fabio!!avanti così !!

  31. Bartolomeo scrive:

    On. Granata,
    prima berlusconi diceva di essere ostaggio della magistratura
    ore dice di essere ostaggio della mafia
    un spunto per una riflessione
    berlusconi è onesto?
    berlusconi è l’antimafia ?
    o
    berlusconi è disonesto?
    berlusconi è mafioso?
    o ancora
    berlusconi è malato?
    sono le domande a cui bisogna tentare di dare risposte certe.
    una cosa è certa
    che berlusconi non può più fare il presidente del consiglio per il bene dell’Italia
    e quindi o se ne va
    o va mandato a casa
    come?
    attraverso tre proposte
    la prima
    un accordo PDl – Lega – Fli – MPA con un presidente del consiglio diverso da berlusconi ( Pisanu)
    la seconda
    una proposta FLI- MPA di una personalità esterna ( monti , draghi ) con convergenza di altre forze politiche UDC – API etc…
    la terza
    una proposta Fli- MPA – Lega di ( Tremonti) con convergenza di altre forze politiche
    insomma
    proposte che fanno capire chiaramente
    sopratutto agli altri
    che oggi berlusconi è un problema serio per l’Italia
    con stima

  32. vincenzo moncada scrive:

    Caro Fabio, mai come adesso il progetto , che osservo con grande interesse da ex ” Democratico”, se canalizzato bene può rappresentare la “vera rivoluzione liberale di massa” che il Pease aspetta da anni. Comprendo bene la fase attuale di puro “tatticismo” ,mi aspetto presto il classico colpo di reni , un salto di qualità del “manifesto” capace di andare oltre la vecchia vecchissima dicotomia dx / sx , che sappia parlare un nuovo “linguaggio” ,con una nuova classe dirigente che abbia la “faccia” in sintonia con il progetto . Sulla Sicilia e sui nuovi “fatti” di illegalità ,se confermati dalla Magistratura richiederanno da parte “vostra” e TUA in particolare per il rinnovo della Regione siciliana una straordinaria “scelta” di campo . Un caro saluto. V’

  33. fabio scrive:

    caro Fabio,sono di sinistra e ne sono fiero,però
    in questi ultimi tempi,ho notato uno scatto di orgoglio di quelli della vera destra italiana di Fini,perchè Berlusconi e tutti i suoi sodali,saranno di tutte le tendenze politiche furchè di destra.Questo mi fa sperare che voi,
    finalmente stacchiate la spina a questo finto governo del fare niente,e che questa gentaglia sparisca dalla faccia della vera politica.Confido
    in voi con tutto il cuore.Spero che se questo avverra,avrò nella vera destra italiana,grande stima e rispetto.

  34. Stefano Madeddu scrive:

    Caro Fabio.
    Pensate di sostenere ancora per molto Lombardo in Sicilia o a questo punto, dopo l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa, possiamo aspettarci un minimo di coerenza?

  35. Ingenuo scrive:

    Sembra che entro oggi o domani non ci sarà il via libera dalla Rai al contratto per la moglie di bocchino, quindi si va verso il ritiro dei finiani dal goveno. Appoggio esterno o eterno, roba da prima Repubblica quando si trattava e mercanteggiava su tutto. Si lasciano le poltrone interne che si vedono e si prendono quelle esterne.
    Se Berlusconi rimane a Roma nel week-end spero che un minuto dopo il discorso di Fini salga al Quirinale e finisca questo giochetto.
    Gli italiani sanno già chi ha tradito e sta distruggendo il governo che hanno eletto, si comporteranno di conseguenza.
    Almeno che ……….

  36. stefano scrive:

    Adesso il problema è chi si imbarca in FLI. Selezionate bene ed evitate di accettare persone che, più avvedute e lungimiranti delle altre, manifestano interesse a voi solo perchè capiscono che berlusconi è alla frutta, anzi al digestivo.
    Non è il dato numerico che conta, ma la qualità delle persone. Tenetelo ben presente e adottate dei criteri rigorosi di selezione.
    Altrimenti sarebbe controproducente.

  37. ENZO scrive:

    Egregio Onorevole, basta PAROLE vogliamo FATTI, è ora di cambiare marcia. Fatti per me vuol dire staccarsi da quella che si definisce una maggioranza parlamentare, è ora di camminare da soli con le proprie gambe e non fare più la terza. E’ ora di rigirare questa nostra Italia da capo a piedi basta con le veline e quant’altro. A mio modesto avviso FLI può davvero diventare forza di governo di una destra moderna come quella che il Presidente Fini ci ha lasciato intravedere a Mirabello. Fateci sentire orgogliosi di essere ITALIANI e di non provare vergogna quando andiamo all’estero. VIVA l’ITALIA

  38. zorro scrive:

    Io credo che Berlusconi le elezioni le vincera’ ancora.

    Non c’e’ speranza per voi. Siete delle cacchette.

  39. zorro scrive:

    veronesi presidente dell’agenzia nazionale per la sicurezza nucleare.

    Questi hanno perso la ragione.

  40. Sonia Toni scrive:

    Alle parole abbiamo applaudito ma adesso è ora di mettere in pratica i bei discorsi. Il tanto sbandierato patto con gli elettori, il primo a tradirlo è stato Berlusconi. Se continuerete a dargli fiducia sprofonderete insieme a lui.

  41. zorro scrive:

    Transparency International ha pubblicato il CPI (Corruption Perception Index) 2010. L’Italia occupa il posto numero 67 su 178. Prima di noi tutti i paesi Ue, G8 e G20, fatta eccezione di Romania (69), Bulgaria (73) e Grecia (78).
    Prima di noi, soprattutto, Malesia (56), Turchia (56), Tunisia (59), Croazia e Macedonia (62), Ghana e Samoa (62), Rwanda (66). Naturalmente per Berlusconi & C. il CPI non ha nessun significato. Corruzione percepita? Impressioni soggettive! Processi politici di giudici comunisti! Impressioni soggettive un kazzo.

  42. zorro scrive:

    Granata, domanda per voi che avete votato il leggittimo impedimento: ma dato che trova il tempo per trombare cosi’ tanto mi spieghi perche’ dice di non poter andare ai processi perche’ ha bisogno di tempo per governare?

  43. Patrizia scrive:

    Ma zorro perché non scrivi a Berlusconi?domani Fabio Granata e altri disegneranno l’alternativa …

  44. Terra scrive:

    Napolitano eviterà le elezioni anticipate solo se il governo cade entro gennaio.Dopo gennaio e passata la finanziaria,Berlusconi non temerà più il governo tecnico e logorerà Fini fino a farlo uscire dal parlamento nel 2013

  45. Terra scrive:

    Perchè temete di fare cadere Berlusconi?Con una nuova legge elettorale fatta da un governo tecnico FLI avrebbe molti più deputati e senatori e Fini potrebbe fare il premier di un governo di larghe intese con il Pd.Se appoggiate Berlusconi fino al 2013 prenderete meno voti

  46. michele scrive:

    Onorevole Granata ho ascoltato l’On. Barbareshi su omnibus il quale ha dichiarato che il vostro intentimento è quello di far si che il “sire” governi. Ha sentito cosa ha detto Tremonti? testuale: dureremo fino a natale. Sa questo cosa significa? Elezioni a marzo senza possibilità di governo tecnico ( non ce ne sarebbe più il tempo ), quindi con questa legge elettorale.
    Onorevole, mi permetta, MA CI SIETE O CI FATE?

  47. zorro scrive:

    Patrizia:

    lo hanno gia’ detto che volgiono che Berlusconi governi: “ha il dovere di governare”.

    Quindi supportano un pedofilo, evasore fiscale, corruttore di testimoni, bestemmiatore, vecchio satrapo puttaniere, diffamatore e con frequentazioni mafiose.

    Ebbene, Zorro ha Bernardo come factotum che non e’ un pedofilo, evasore fiscale, corruttore di testimoni, bestemmiatore, vecchio satrapo puttaniere, diffamatore e con frequentazioni mafiose.

    Bernardo e’ un galantuomo. Berlusconi no. Zorro e’ un galantuomo perche’ supporta un galantuomo.

    I finiani NO

  48. Ingenuo scrive:

    Pure Marco Tartaglio ha capito che la legalità per i finiani è solo una scusa.Condivido la sua frase:
    “Certa gente basta guardarla in faccia e si capisce tutto.” e basta vedere cosa hanno fatto negli ultimi anni.
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/11/05/fin-dall%e2%80%99inizio-abbiamo-riconosciuto-il-valore/75340/

  49. zorro scrive:

    Zorro, ha una confidenza da fare.

    Catone non e’ il censore. Ma Giampiero.

  50. giovanni scrive:

    Povera patria! Schiacciata dagli abusi del potere
    di gente infame, che non sa cos’è il pudore,
    si credono potenti e gli va bene quello che fanno;
    e tutto gli appartiene.
    Tra i governanti, quanti perfetti e inutili buffoni!
    Questo paese è devastato dal dolore…
    ma non vi danno un po’ di dispiacere
    quei corpi in terra senza più calore?
    Non cambierà, non cambierà
    no cambierà, forse cambierà.
    Ma come scusare le iene negli stadi e quelle dei giornali?
    Nel fango affonda lo stivale dei maiali.
    Me ne vergogno un poco, e mi fa male
    vedere un uomo come un animale.
    Non cambierà, non cambierà
    si che cambierà, vedrai che cambierà.
    Voglio sperare che il mondo torni a quote più normali
    che possa contemplare il cielo e i fiori,
    che non si parli più di dittature
    se avremo ancora un po’ da vivere…
    La primavera intanto tarda ad arrivare.

  51. Alberto " granatiere" scrive:

    Caro Fabio

    esiste FLI ed esistono i “Granatieri”. I granatieri non sono né di destra né di sinistra, vogliono legalità, giustizia e per questo non vogliono il lodo Alfano. Si riconoscono in Fabio Granata e non in Consolo, Ronchi, Moffa e altri come loro.

    Grazie di tutto e avanti così Fabio!!

    Alberto ” granatiere”

  52. Flavio scrive:

    Egregio Onorevole, a me ultraottantenne non si è rivolto. Comunque spero di votare ancora una volta. Le confido che non ho mai votato MSI o AN,ma ora voglio credere nelle sue parole,tutte, ad iniziare da “legalità”. Ce n’era poca ai tempi della DC, ma ora è sparita. Reintroducete l’”abuso di potere o d’ufficio”, cancellato da una sx anch’essa tutrice di arruffapopoli, imbroglioni e affaristi. Fermiamo la frana che sta imbarbarendo il nostro popolo.

  53. Giorgio scrive:

    Egregio Onorevole,non ho 80 anni come Flavio e non ho capito in quale partito militava.
    Comunque sono un sessantene,che ha votato sempre per la sinistra.
    La simpatia che provo nei suoi confronti,gia’ in tempi non sospetti,per cio’ che diceva e scriveva e’ riuscito a darmi ancora un po’ di speranza.
    Dunque anche nel Pdl esistono persone che riescono a pensare e ad agire in piena autonomia.
    Quello che Lei e i suoi compagni di ventura state creando mi ha reso veramente felice.
    Non creda che cio’ sia dovuto alla speranza che riusciate a mandare a casa quella feccia vergognosa che disonora il nostro Paese.
    Certo il problema e’ berlusconi,devo essere sincero con Lei,ho un odio verso quell’ omino che mi porta alla paranoia.
    A lui dobbiamo poi aggiungere quel gregge senza patria che gli scodinzola attorno.
    Io non sono credente,o meglio nutro molti dubbi sul nostro Signore,orbene quando ascolto un certo lupi,di comunione e liberazione ,che
    dovrebbe esprimere il naturale dissenso verso un padrone,il cui comportamento e’ deplorevole.ebbene questo vassallo lo difende rasentanto il ridicolo.
    Detto cio’ non parlo della sinistra,che ormai ha perso tutto cio’ che rappresentava per il popolo delle fabbriche.
    Domani ascoltero’ Fini,che finalmente ha rialzato la testa,ha riacquistato quella dignita’ che credo avesse smarrito.
    Se cio’ che dira’ in favore del suo Paese ,senza timori verso i corvi che attendono la sua fine,se parlera’ finalmente dei problemi che stanno paralizzando il nostro Paese,e proporra’ risoluzioni concrete,lasciandosi alle spalle quell’ orda di barbari leghisti,credo che appoggero’ la vostra iniziativa.
    Come comunista questa scelta mi fa soffrire,ma e’ ora che qualcuno rialzi la testa e calpesti le serpi che ci circondono.
    Cordiali saluti a Lei a Luca Barbareschi e a un certo Rossi ce scrive veramente bene.
    Un saluto particolare al ex-odiato nemico Gianfranco.

  54. Peppe scrive:

    Questa parola forse per lei non vale ma io la dico lo stesso…
    ” COERENZA ”
    Voc sin. Conformità tra le proprie convinzioni e l’agire pratico.
    Voc. Contrari:Lunardi,Cosentino, Verdini ecc. ecc.

  55. Sonia Toni scrive:

    tutto molto bene ma non ho capito la mossa di Fini che chiede a Berlusconi di dimettersi: lo sanno tutti che non ha sufficiente umiltà per farlo, e allora? che succede adesso?

  56. silvano rossi scrive:

    egregio onorevole, direi più volentieri, fantastico, solo per la forte scossa che stà dando al governo e al paese.Mi permetta un consiglio da cittadino, nelle new entry usi il metal detector,e continui così, avrà sicuramente anche il mio voto.
    Il paese ha bisogno di gente con le palle.
    Cordiali saluti, da un PD in crisi.

  57. Aurelio scrive:

    I prodromi della crisi profonda del berlusconismo erano già affiorati dal giorno in cui il cavaliere, con un narcisistico volo pindarico di emulazione mal riuscita, salì sul predellino, chiamando a raccolta i partiti politici, tranne la lega, per fare il partito unico e dicendo sostanzialmente “chi non é con me é contro di me”. Gianfranco Fini restando spiazzato da tal colpo di testa, commentò la notizia affermando “siamo alle comiche finali”, ma fu costretto, dopo, dalle pressioni degli ex colonnelli, ora più berlusconiani del cavaliere, ad accettare quell’infausto patto fondativo del p.d.l.
    Ma Fini aveva ragione, perché ora i nodi sono venuti al pettine e siamo davvero alle “comiche finali”, se si pensa a tutto quello che é successo dal 22 aprile, 29 luglio ad oggi, omettendo, per carità di Patria, di commentare gli ultimi avvenimenti.
    Tuttavia, non viene da ridere, se si pensa alla grave situazione in cui versa il Paese, dalla mancanza di ogni politica per la ripresa economica, alla disoccupazione, al precariato, ai tagli lineari tremontiani senza cognizione di causa, al continuo declino morale e politico dell’Italia.
    Caro Fabio Granata, occorre nel più breve tempo possibile, salvando prima quel poco di salvabile, un governo senza il cavaliere che traghetti il Paese verso elezioni veramente libere e democratiche, che si potranno avere solo con una riforma seria della legge elettorale. Gianfranco Fini a Perugia ha indicato la strada, anche a Berlusconi, nell’interesse del popolo italiano.

  58. picks on sports scrive:

    2011…

    Wow! This can be one particular of the most helpful blogs We’ve ever arrive across on this subject. Basically Great. I am also a specialist in this topic so I can understand your hard work….

  59. Moncler sito ufficiale gi�� marche francesi abbigliamento superiore Fondatore Moncler �� dalla Francia durante la Seconda Guerra Mondiale amore arrampicata due giovani Rene Ramillom e Andre Vincent.Moncler piumini prezzi, il creatore di moda piumini d’oca, vuole aspettare almeno un anno prima galleggiante sue azioni a Milano, di concentrarsi su espandendo a livello globale.